ASSOCIAZIONE DI MUSICA E TEATRO

La Nostra Storia

Accademia Musitea è un’associazione culturale che nasce nel 2007, con l’intento di valorizzare e diffondere il linguaggio teatrale e musicale, al fine di favorire la crescita e lo sviluppo della persona e di offrire ai partecipanti più giovani la preparazione idonea per accedere a percorsi istituzionali.

Promuovere iniziative di formazione, educazione alla musica ed al teatro, trasmetterne i linguaggi, organizzare eventi culturali ed allestire spettacoli e concerti sono solo alcune delle attività promosse da Annamaria Gelao, attrice e pedagoga teatrale e il M° di Conservatorio Filippo Rizzuto, soci fondatori insieme a Simonetta Minervini ed Antonio Coretti, cantanti lirici del Teatro Regio di Torino.

L’Associazione vuole essere un centro culturale di aggregazione altamente formativo, sia per giovani, sia per adulti che possano giovare di un’ educazione alla vocazione teatrale e musicale come esperienza professionalizzante, ma anche alimento dei bisogni creativi ed espressivi del quotidiano.

L’approccio metodologico dell’Accademia Musitea è improntato ad una convivenza intergenerazionale fra i partecipanti, in cui è possibile esprimersi in uno spazio non competitivo ma di condivisione con gli altri, tirando fuori le proprie peculiarità e potenzialità attraverso la sperimentazione di tutti i linguaggi espressivi, sotto la guida di docenti con esperienza pluriennale.

h
 

CURRICULUM

Annamaria Gelao

Annamaria Gelao

Attrice, docente

Curriculum
Annamaria Gelao, attrice, regista, insegnante di recitazione. Si forma e inizia la sua attività di attrice a Bari presso il Teatro Abeliano e il Piccolo Teatro.
Si laurea con lode in Discipline delle Arti , della Musica e dello Spettacolo all’Università di Roma3, presso il dipartimento di Storia della Musica, con la Tesi “Verdi e la messinscena delle sue opere: il caso Macbeth”, concernente le tecniche registiche e attoriali nell’opera lirica verdiana.
Studia canto lirico con T. Rocchino, M. Lavergne, sostenendo da privatista gli esami presso il Conservatorio di S. Cecilia. Approfondisce e si specializza nell’uso delle tecniche respiratorie e vocali dell’attore.
Segue laboratori e seminari sul movimento creativo e community dance con T. Rawyler; sull’uso della maschera nella commedia dell’Arte con E .Monetta; sulle tecniche registiche con E. Barba nell’ambito del FLIPT del teatro Potlach.
Si dedica per anni allo studio e alla ricerca etnomusicale del canzoniere popolare pugliese, realizzando in duo con il chitarrista Filippo Rizzuto numerosi spettacoli-concerto anche all’estero.
Parallelamente al suo lavoro di attrice in produzioni della capitale presso il teatro dell’Agorà, Tordinona, Centrale e Colosseo, dirige ed interpreta numerosi spettacoli nell’ambito di eventi culturali internazionali, collaborando con prestigiose istituzioni come l’Istituto degli Studi Filosofici di Napoli, l’Università di Urbino, di Roma3, l’Orientale di Napoli, la Biblioteca di Vinci, l’Università di Osnabruck (Germania), al fianco di intellettuali come E.Sanguineti, G.Baratta e G.Marotta.
Come regista ha diretto gli spettacoli: Terra e Vientu, testi e canti del canzoniere pugliese (1996); Gran galà d’operetta (1997); Le nuvole di Aristofane (1999); Bombonniere, da K. Valentin e E. Petrolini (2000); Caffé Concerto da R.Viviani e E.Petrolini (2000); Don J di A. Gianquinto (2007); Canto Andaluso da Jimenez e Lorca (2011).
Affianca alla pratica teatrale un’intensa attività d’insegnamento nella formazione teatrale e vocale.
Come didatta conduce sin dal 1997 numerosi laboratori e seminari teatrali; corsi sull’uso delle tecniche vocali per attori; corsi di riabilitazione vocale per insegnanti per il Comune di Roma; tecniche respiratorie per gruppi corali per il Conservatorio di Musica.
Per oltre dieci anni ha diretto laboratori teatrali con pazienti con gravi patologie psichiatriche all’interno di comunità terapeutiche (ASL di Brindisi, Frosinone, Roma), presentando il suo lavoro all’interno di convegni psichiatrici nazionali.
Nel 2007 fonda l’Accademia Musitea, di cui cura la formazione attoriale degli allievi e la regia degli spettacoli.
Filippo Rizzuto

Filippo Rizzuto

Musicista, docente

Curriculum
Filippo Rizzuto è concertista , compositore, docente di Conservatorio di Chitarra classica.
Si forma al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, sotto la guida del maestro Benedetto Di Ponio e Mario Gangi.
All’ età di 22 anni vince il primo premio al Festival Nazionale della chitarra di Ancona e quello di Castellammare di Stabia per la categoria professionisti, iniziando l’attività concertistica in molte città italiane ed europee.
Collabora molto intensamente con le migliori orchestre della capitale nella realizzazione di numerose incisioni discografiche e musica da film, diventando presto uno dei chitarristi più richiesti.
E’ stato per molti anni uno dei più assidui collaboratori del M° Ennio Morricone, suonando in numerose colonne sonore di film, tra cui L’uomo delle stelle, Sostiene Pereira, di cui ne è la chitarra solista.
Ha collaborato con la Sinfonica della RAI sotto la direzione di prestigiosi maestri : Z.Metha, H.W.Henze, D.Guaccero, E.Morricone, C.Rustichelli, S.Bussotti, Penderescki, C.Savina, De Masi, M.Panni, G.Gelmetti, B.Maderna, G.Prètre.
Ha eseguito musica Contemporanea, collaborando anche con il gruppo “Nuova Consonanza” di Roma.
All’età di 27 anni gli viene assegnato l’incarico a tempo indeterminato per la cattedra di Chitarra, insegnando presso il Conservatorio di Vibo Valentia, di Campobasso e de L’Aquila.
Nella sua attività di compositore ha scritto due balletti per orchestra: Sogno di Pulcinella e Guernica, eseguiti al teatro Eliseo e Brancaccio di Roma. Ha composto colonne sonore per documentari e lavorato con documentaristi come Ugo La Rosa. Ha realizzato musiche originali per gli spettacoli teatrali organizzati dell’Accademia Musitea, quali “Bomboniere” su testi di Karl Valentin, “Le Nuvole” di Aristofane, Caffè concerto”su testi di Petrolini , Sogno di una notte di mezza estate” di W. Shakespeare, Le troiane di Euripide, Terra e Vientu, elaborazioni di testi e canti di teatro popolare.
Come compositore si dedica particolarmente alla musica per chitarra, scrivendo composizioni per strumento solista, duetti, trii e quartetti, fra cui Procesiòn, quartetto inserito nella rassegna dei compositori del Conservatorio dell’Aquila nel 1999 e nel 2000 e Guernica, per piccola orchestra, eseguito nel 2003 nel 1° Festival di musica contemporanea, indetto dalle Edizioni “Domani Musica” di Roma.
Tra le varie pubblicazioni prevalgono il metodo La chitarra – Tecnica elementare ed. EDIPAN – Roma, recensito da Ruggero Chiesa nella rivista Il Fronimo; la Sonata in forma classica edito dalla Berben e recensito con cinque stelle sul mensile della chitarra “Sei corde”; Gran valzer fantastico Ed. Sillabe ; Sonatina per flauto e chitarra ed. Salatino; Trascrizione dell’ Andalusa di Manuel De Falla, per 3 chitarre ed. EROM, ed alcune trascrizioni di J.S.Bach per due chitarre pubblicate dalle Edizioni Bèrben.
Il suo ultimo CD, Le composizioni di Filippo Rizzuto, è stato registrato e prodotto nel 2018 dalla Telecinesound-Roma , pubblicato su SPOTIFY e You TUBE.
Suona una chitarra 6 corde del Liutaio Mikhail Robert (Canada) e una 7 corde del Liutaio Bruno Tozzi (Roma)
Demi Giustarini

Demi Giustarini

Coreografa, docente

Curriculum
Demy Giustarini si laurea presso l’Accademia Nazionale di danza di Roma nel 2010. Durante la sua formazione accademica lavora nei maggiori teatri italiani, collaborando con noti coreografi quali: Joseph Fontano, Stefania Brugnolini, Caterina Figaia, Elisabetta Rulli, Joselin Monopetit, e Adriana Borriello, Elsa Piperno.
Nel 2003 lavora con la compagnia “Danzaricerca” di Daniela Capacci negli spettacoli “Io individuo io” e “Corrente”. Nel 2005 lavora con l’associazione U.I.L.T Umbria nello spettacolo teatrale “Fuga da Troia”, regia di Matteo Tarasco nel ruolo di danzatrice solista e coreografa. Dal 2004 lavora assiduamente con la compagnia Balletto ’90 come assistente e danzatrice solista in tutte le produzioni di Annarita Pasculli, da “Novaluna” a “Regalandomi un silenzio” e “Tauen”. Nel 2007 debutta nell’opera lirica “Thais” presso il Teatro d’Opera Campoamor di Oviedo nel ruolo di prima ballerina sotto la regia di Joseph Franconi Lee e con le coreografie di Annarita Pasculli. Nel 2008 collabora con la compagnia “Battito flamenco” con la regia di Manfredi Gelmetti nello spettacolo “Le donne di Isabel Allende”. Nel 2009 collabora con l’Associazione Culturale TAOMArte come danzatrice solista e assistente alla coreografia nella realizzazione dello spettacolo “Ballata Notturna” (tratto da un’opera del premio nobel della letteratura Gao Xingjian e supervisionato dallo stesso autore).
Sempre nello stesso anno è assistente alla coreografia nell’opera lirica “Samson e Dalila” presso il teatro di St. Gallen (Svizzera), sotto la regia di Stefano Vizioli con coreografie di Annarita Pasculli.
Dal 2013 è docente di Tecnica della Danza Contemporanea e Laboratorio Coreografico e storia della danza presso il Liceo Coreutico di Arezzo.
Vanessa Quinto

Vanessa Quinto

Storica del teatro e cinema, docente

Curriculum
Giornalista professionista, lavora come web editor del sito del Tg1.
Dopo la laurea quinquennale in D.A.M.S. (dalla cui tesi, svolta presso il dipartimento di Cinema: “Rear Window, il voyeurismo in Hitchcock” è stato sviluppato il corso monografico: “Il voyeurismo dello spettatore. Scrivere per produrre simpatia, antipatia ed identificazione in chi guarda”), si specializza in sceneggiatura televisiva e cinematografica – con docenti come Age, Cecchi d’Amico, Bruni, Marciano, Reali – e matura esperienza come sceneggiatrice di alcune soap opera trasmesse su Canale5 (“Vivere” e “100 vetrine”) e uno spettacolo teatrale, messo in scena presso il Teatro della Cometa di Roma (“Regalale una Spada”).
La sua passione per la scrittura la porta a studiarla e sperimentarla in tutte le sue declinazioni: vince la borsa di studio per frequentare il corso di Scrittura Creativa, promosso dalla casa editrice “Rai Eri”; la borsa di studio per il master in Comunicazione della “Ict Marketing University”; il premio giornalistico “DonnAmbiente”, promosso dalla “5Terre Academy”; i diversi grant per partecipare ai seminari per giornalisti europei: “Women and the elections – Will this time be different?”, presso il Parlamento Europeo a Bruxelles; “International Environmental Reporting”, promosso da “Earth Journalism Network & Seaweb”, a Saint Raphael; “European Fisheries Journalism Conference”, organizzato da “Earth Journalism Network”, a Dublino e pubblicato sul sito “Columbia Journalism review”.
Come docente, ha lavorato presso l’istituto professionale Luigi Einaudi di Roma, in qualità di ideatrice e responsabile di approfondimento “Spazio cinema” e presso l’Università americana L.d.M. in quanto ideatrice e responsabile dei corsi interdisciplinari (cinema, TV, psicologia e lingua italiana), rivolti a studenti stranieri: “The Spectator’s Experience” e “Italian history through the cinema”.
Come giornalista ha collaborato con il quotidiano La Repubblica e Radio 24.
E’ autrice del libro “Voglie di mamma. Ricettario semiserio per lo stato interessante”, edito da Effequ e conduce molte manifestazioni culturali lungo tutto lo Stivale, tra cui il festival fotografico “ImagOrbetello”, di cui è ideatrice e vicepresidente.
Perché la sua “esigenza di narrare” va oltre i confini di una sola forma.

Sedi

Via di Grottarossa, zona Cassia - 00189 Roma
Via Nicoletti, zona Torrevecchia - 00168 Roma

Email

Telefono

340 262 4472

333 185 6196

Social